ROBERTA TORRE: ORTIGIA FILM FESTIVAL PUO’ TRASFORMARE LA CITTA’ IN GRANDE SCENARIO A CIELO APERTO

Schermata 02-2456335 alle 01.01.03

“Mi unisco all’appello degli organizzatori. Salviamo l’Ortigia Film Festival di Siracusa, una manifestazione cinematografica molto particolare che negli anni è cresciuta e ha dato la possibilità a molti registi di fare conoscere i propri lavori”. Sono queste le parole della regista Roberta Torre. “Lo scorso anno ho avuto modo di partecipare all’Ortigia Film Festival con due documentari su Pier Paolo Pasolini e mi sono resa conto della grande partecipazione di pubblico. Siracusa è una città che si presta a questo genere di manifestazioni perché ha delle piccole piazze, è un luogo incantevole che nasce spontaneamente come una sorta di teatro per strada. Più volte – prosegue la regista – parlando con il vicepresidente di Confindustria Ivan Lo Bello abbiamo meditato di far crescere questa realtà aggiungendo un fringe festival di teatro per sviluppare questa realtà. Il mio appello per l’Ortigia Film Festival guarda alla possibilità di far vivere la stagione siracusana da maggio a ottobre con Ortigia trasformata in una sorta di scenario a cielo aperto che non avrebbe nulla da invidiare a Venezia o ad altre splendide città d’arte. Sicuramente – conclude la Torre – c’è bisogno di un’attenzione maggiore da parte delle istituzioni e da parte di privati che abbiano voglia di cominciare a credere che la cultura non sia soltanto svago, non sia soltanto intrattenimento, non sia soltanto perdita di tempo ma sia una voce in capitolo che può portare crescita economica.”

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: