Le donne nel cinema d’animazione

Disegnatrici, animatrici, scrittrici, registe: tutti i mestieri dell’animazione vengono declinati al femminile, in una prestigiosa antologia di contributi incentrati sulle maggiori artiste e professioniste del cinema d’animazione internazionale del passato e del presente; a partire dalle pioniere e con alcuni excursus storici demandati a autorevoli studiosi di varie nazioni, delle varie epoche e delle varie cinematografie, fino ad arrivare all’oggi, il volume, curato dalla studiosa di cinema Matilde Tortora, rileva quanto il cinema d’animazione deve al talento, alla creatività e all’impegno di di artiste del disegno, della macchina da presa e della narrativa audiovisiva.

Un libro che raccoglie interventi di grande livello, corredato di foto e documenti provenienti da importanti archivi, tra cui quelli di due grandi padri fondatori dell’animazione italiana, Gibba e Paolo Di Girolamo che ci consentono di vedere le compagne che condivisero a vario titoli il loro lavoro d’animazione, le inchiostatrici, le coloritrici, le scompositrici, le caporeparto, le sceneggiatrici, le animatrici, le registe, che con loro hanno lavorato a film animati che sono parte oramai della storia d’animazione, nonché dei “Carosello”e delle sigle animate televisive o di film.
Dal Canada due autorevoli studiosi, Marcel Jean e Julie Roy hanno contribuito con importanti testi e il National Film Board canadese ha permesso per essi di pubblicare le foto di grandi autrici e immagini dei loro film.

Importanti immagini, di cui alcune inedite, ci sono pervenute anche dall’Archivio della famiglia Indelli/de Roubaix, grazie a Patricia de Roubaix, nipote di Mimma Indelli, la grande pioniere di cui qui racconta Yves Josso, il suo maggior biografo. Massimo Becattini, scrivendo de La rosa di Bagdad e dei suoi interessanti retroscena e Mario Verger (è lui stesso un autore di film d’animazione), ripercorrono la storia delle donne impegnate nell’animazione italiana e le commistioni frequenti tra arte, sperimentazione e cinema d’animazione, Andrea Fontana e Davide Tarò tracciano per la prima volta un quadro esaustivo delle animatrici giapponesi e Nunziante Valoroso ha convogliato in questo nostro libro non solo una panoramica esaustica delle donne “legend” che hanno contribuito a fare grandi i film con Walt Disney, ma addirittura la giornalista e scrittrice Oriana Fallaci che rese, in un’intervista, un appassionato omaggio a Walt Disney e al cinema d’animazione.

Tre grandi conclamati autrici dell’animazione mondiale, Regina Pessoa (Portogallo), Ursula Ferrara (Italia) e Signe Baumane (Lettonia/USA), hanno partecipato al libro, disegnando per esso delle opere originali che illustrano la (doppia) copertina e al centro (o cuore che dir si voglia) del libro si situano il racconto per immagini fatto da Ursula Ferrara su “alcuni inconsapevoli maestri della mia tutta speciale passione per il cinema di animazione”: un incanto di petite histoire, di ironia, di disegni, di colori, di arte e il racconto di Regina Pessoa “Me, Animation, Life”: un testo luminoso, intenso, necessario e bellissimo come i suoi film animati.

a cura di Matilde Tortora Tunué Editori
Contributi di: Massimo Becattini, Paolo Di Girolamo, Ursula Ferrara, Andrea Fontana, Gibba, Marcel Jean, Yves Josso, Regina Pessoa, Julie Roy, Davide Tarò, Nunziante Valoroso, Mario Verger

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: