Divine (Divina)

di Angela M. Murray
Angeline, la bambina protagonista, da grande vuole fare la santa. Durante i preparativi alla sua Prima Comunione si lascia molto suggestionare dall’evento e vuole diventar sposa di Gesù. Nel finale, dopo un litigio con un’altra bambina, Angeline cambia repentinamente idea e alla domanda “cosa vuole fare da grande?” risponde senza indugi: il calciatore. Il cortometraggio è molto ironico e divertente. La costruzione veloce con l’utilizzo di stacchi e primi piani per spiegare le situazioni più anomale, ricorda molto i cartoni animati giapponesi

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: