Lola

di Jacques Demy, Francia/Italia, 1960

Nantes, un localino dove graziose soubrettes ballano leggere in attesa di danarosi marinai americani che, in cambio di pochi balocchi, le comprano nel malinconico mercato della vita.

Lola, madre di un ragazzino tranquillo, cerca una miglior sorte per lei ma soprattutto per il figlio.

Incrocia i suoi destini con una sua ex-fiamma della gioventù, anche lui sognatore squattrinato, classico personaggio anarchico della nouvelle vague francese.

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: